Porte a filomuro: cosa sono, pro e contro

Di estrema tendenza, le porte a filomuro stanno conquistando il mondo del design. Ma di cosa si tratta? Quali sono le loro caratteristiche? E soprattutto perché sono così amate da designer ed architetti d’interni?

Nell’articolo vi guiderò alla scoperta di questi elementi di arredo, illustrandovi nella pratica cosa sono e andando ad esplorare i loro pro e i loro contro. Alla fine dell’articolo avrete più chiaro il perché sono così amate.

Porte a filomuro: cosa sono

Porte filomuro: cosa sono
Foto: @ Pinterest

Nella tradizione dell’arredamento di interni le porte hanno sempre rivestito un ruolo fondamentale e per questo sempre messe in risalto. Se si pensa infatti alle case si un tempo le porte erano di colorazione scura, in modo che risaltassero chiaramente sulla parete, spesso di colorazione bianca.

Con il tempo la tendenza è stata quella di scegliere porte di colorazione simile rispetto alle pareti, per farle fondere meglio con l’ambiente. Ecco, le porte a filo muro sono un’estremizzazione di questo concetto. Infatti esse si fondono alla perfezione con la parete e spesso scompaiono proprio.

Si tratta infatti di porte realizzate con un telaio particolare nascosto nella parete che consente di fare a meno, almeno visivamente, di stipiti e cornici. La porta interna non avrà quindi più delle sporgenze, ma risulterà come una vera e propria apertura nella parete. L’unico elemento che rimane a vista è la maniglia, a meno che non si opti per un’apertura push pull, ossia a pressione.

Le tipologie di porte a filo muro

Esistono fondamentalmente tre tipologie di porte a filomuro:

  • porte battenti
  • porte scorrevoli
  • porte a bilico

Le prime sono le classiche porte con maniglia che si aprono verso l’interno o l’esterno della stanza. Qui l’unico elemento che inganna la magia della porta a scomparsa è la maniglia. Si può quindi decidere di metterne una particolare o che comunque risalti, in modo che si faccia notare, che non tenda invece a camuffarsi timidamente.

massima personalizzazione porte interne
Foto: © Pinterest

Tra le più usate soprattutto nelle abitazioni di piccole dimensioni, le porta scorrevoli a filomuro una volta aperta scompaiono completamente all’interno della parete. Ovviamente vanno predisposte per tempo in fase di progettazione.

L’ultimo modello utilizzato di porta raso muro sono quelle a bilico. Si tratta di porte che ruotano attorno al perno verticale e che possono quindi essere aperte in entrambi i versi a piacimento. Vengono di norma utilizzate per aperture scenografiche e sono di norma ancorare da pavimento a soffitto.

Porta a bilico filomuro
Foto: © Pinterest

I pro delle porte rasomuro

Ora che abbiamo scoperto cosa sono le porte filomuro e quali modelli esistono andiamo ad analizzare i pro di questi modelli di apertura.

  • Materiali: la proposta di materiali per questa tipologia di porte è vastissima e va da quelli tradizionali come il legno o l’mdf, fino a proposte più avanzate tecnologicamente o il vetro.
  • Personalizzazione: spesso vengono scelte nella finitura grezza, perché vengono colorate nella stessa finitura dell’intonaco, per un effetto mimetico ottimo. Attenzione però all’intonaco scelto: spesso infatti si ottengono porte delicate, che si sporcano e si rovinano in fretta. Possono anche essere ricoperte con la carta da parati.
versatilità delle porte rasomuro
Foto: © Pinterest
  • Design minimale: senza dubbio le porte a filomuro sono apprezzate per il loro design minimale. L’assenza di cornici le rende perfette per arredamenti moderni e contemporanei.
  • A tutta altezza: sono soluzioni particolarmente apprezzate da chi desidera realizzare aperture che superano lo standard di 210 cm. Si possono infatti realizzare porte che vanno da pavimento a soffitto per effetti scenici unici.
  • Versatilità: le porte filomuro possono essere installate sia su pareti in muratura che su pareti in cartongesso, l’importante è che sia stato predisposto tutto in fase di costruzione o ristrutturazione.
  • Soluzioni salvaspazio: soprattutto nelle abitazioni di piccole dimensioni, le porte a filomuro scorrevoli permettono di risparmiare spazio.
tutti i vantaggi delle porte a filomuro
Foto: © Pinterest

I contro delle porte filomuro

Ma come tutte le cose, nonostante i pro siano davvero molti e portino ad effettivi vantaggi, esiste anche qualche svantaggio nella scelta di queste porte. Vediamoli assieme:

  • Non per tutti gli ambienti: il design minimale che le contraddistingue non le rende adatte a tutti gli stili di arredamento. Se si sceglie una casa dall’aspetto classico è senza dubbio meglio optare per le classiche porte con stipiti e cornici.
  • Montaggio perfetto: perché la riuscita dell’effetto scomparsa sia perfetto è fondamentale che il montaggio sia realizzato a regola d’arte e quindi da personale esperto.
  • Da decidere in fase di progettazione: dato che il telaio va nascosto all’interno della parete le porte a filo muro possono essere scelte solo in fase di ristrutturazione o costruzione. Non possono quindi essere utilizzate per sostituire le vecchie porte interne a meno che non siate disposti ad eseguire anche opere di muratura.
Note negative porte a filo muro

Nell’articolo abbiamo analizzato tutti i dettagli sulle porte a filomuro. Se vi restano dubbi o domande non esitate a contattarmi.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.