Cucine con penisola: perché sceglierle

Le cucine con penisola sono particolarmente indicate per ambienti open space. Si tratta di una soluzione che permette di coniugare cucina e soggiorno in un ambiente unico che dialoga. La cucina a penisola presenta innumerevoli vantaggi, anche se ha bisogno del giusto ambiente e dei giusti spazi per essere progettata nel migliore dei modi.

Ciò non toglie che una cucina con penisola possa essere inserita in un ambiente piccolo, con qualche piccolo accorgimento e con un po’ di astuzia. Esistono ad esempio le penisole estraibile. Si tratta di particolari meccanismi che chiusi sembrano un normale cassetto e una volta aperti fungono da piano d’appoggio in più.

Esistono due conformazioni per le cucine con penisola: cucina con penisola a “L” oppure a “U”. Quest’ultima soluzione è sicuramente più ampia e permette di ospitare al centro la zona pranzo. La cucina con penisola è un variante della cucina con isola su cui abbiamo già scritto un articolo di approfondimento, lo trovi qui:

Se invece desideri scoprire le informazioni generali da conoscere prima di porgettare la cucina, puoi leggere questo articolo:

I vantaggi della cucina con penisola

Cucine con penisola: vantaggi

Le cucine con penisola offrono molti vantaggi, oltre all’innegabile bellezza estetica. La diffusione di queste cucine si deve principalmente al loro utilizzo nelle serie tv americane. Una volta vista la cucina con penisola non si può non innamorarsene. 

Le cucine con penisola offrono però innumerevoli altri vantaggi. Vediamoli assieme:

  • Versatilità: la penisola della cucina, come vedremo tra poco, può essere utilizzata in differenti modi, come piano da lavoro, piano snack o piano operativo.
  • Dinamismo: proprio per la sua conformazione offre la possibilità di suddividere gli spazi in modo semplice ma funzionale.
  • Ergonomia: per la sua disposizione è perfetta per ricreare il triangolo ergonomico perfetto.
  • Convivialità: oltre a poter cucinare in più persone, la cucina con penisola permette anche di cucinare intrattenendo gli ospiti.
  • Contenimento: la penisola in cucina permette di risolvere anche problemi di contenimento.

Le misure minime della penisola in cucina

La penisola perché sia davvero funzionale deve avere delle dimensioni minime. Diciamo che perché risulti utilizzabile con facilità deve avere una lunghezza di circa 180 cm e una profondità di almeno 70 cm, anche se sarebbe sempre meglio abbondare sulla profondità, soprattutto se si desidera utilizzarla come piano snack.

La distanza che la penisola deve avere dal resto della composizione a parete deve essere di 120 cm, per permettere a due persone di cucinare comodamente e di poter aprire cassetti, cestoni e porte.

Cucine moderne con penisola: più spazio d’appoggio

Cucina con penisola e più piano d'appoggio

La scelta di inserire una penisola nella cucina sicuramente nasce spesso dall’esigenza di avere più piano d’appoggio. Ideale per impastare e preparare le pietanze, la penisola diventerà il vostro alleato ideale per preparare la cena continuando ad intrattenere gli ospiti o continuando a sorvegliare i bimbi in soggiorno.

Una penisola cucina adibita solo a piano d’appoggio può facilmente essere adattata anche all’utilizzo di piano snack. Basta infatti far sporgere di più il top rispetto le basi dal lato del soggiorno per posizionare due sgabelli e utilizzarlo come piano per aperitivi, merende o pasti veloci.

Cucina penisola operativa

Cucina penisola operativa
Credits: Diotti

D’altro canto, soprattutto se si è in fase di ristrutturazione, la penisola può essere resa operativa, con l’installazione del lavello o del piano cottura o entrambi. In ogni caso vanno predisposti a dovere gli impianti sia per ospitare lavello che piastre. 

Se si è abituati ad organizzare spesso pranzi o cene forse è meglio posizionare il piano cottura sulla penisola, così si può continuare a parlare indisturbati agli ospiti mentre si cucina senza essere costretti a voltare loro le spalle. In questo caso va scelta in modo attento anche la cappa. È senza dubbio meglio optare per una a soffitto oppure per una soluzione poco impattante per non rovinare la continuità tra living e cucina.

Cucine con penisola contenitiva

Più spazio contenitivo

Non scordiamoci che sotto la penisola possono essere posizionati dei mobiletti contenitivi. Soprattutto se la casa è di piccole dimensioni, spazio in più di contenimento è sempre ben apprezzato. Ecco allora che la penisola può essere progettata in modo da ospitare mobiletti contenitivi da entrambi i lati. Da un lato serviranno la cucina per riporre pentole, piatti e utensili vari, mentre dall’altra servirà il soggiorno. In questo caso la penisola funge davvero da mobile divisorio e allo stesso tempo di continuità tra i due ambienti.

Cucina a penisola: il tavolo che mancava

La penisola può essere utilizzata come piano snack, come visto poco fa, oppure come ancoraggio per un vero e proprio tavolo.

Come riportato nella foto che segue, alla penisola può essere attaccato un piano d’appoggio più basso della dimensione che si desidera per realizzare un vero e propri tavolo. È la soluzione ideale per chi possiede poco spazio e non vuole proprio rinunciare alla penisola.

Cucina penisola con tavolo

Cucina moderna con penisola: il bancone bar

Siete appassionati di cocktail e amate prepararli a casa per amici e familiari? Potete realizzare una cucina con penisola e bancone bar. In sostanza si tratta di una cucina con isola che viene raccordata alla porzione di cucina a muro tramite un piano senza basi contenitive sotto. La cucina assume così subito un aspetto di bar e potrete preparare tutti i cocktail che desiderate.

Esempio cucina con bancone

In questo articolo vi abbiamo indicato i principali vantaggi delle cucine con penisola e le possibilità compositive. Se vi restano dubbi o domande non esitate a contattarmi.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *