Perché scegliere mobili in legno

Per uno dei primi articoli del nostro Blog abbiamo deciso di iniziare con un tema molto discusso, ma dove la disinformazione regna sovrana. Vi parliamo quindi di mobili in legno ed in particolare perché sceglierli sia una scelta ecosostenibile che non ha nulla a che fare con la deforestazione.

Nell’articolo che segue io, Elena, vi accompagnerò alla scoperta di tutti i pregi che questo materiale possiede e vi aiuterò a capire perché è una scelta consapevole ed eco.

I vantaggi del legno massiccio

Come prima cosa vorrei illustrarvi tutti i vantaggi che un arredamento in legno massello porta alla vostra casa e all’ambiente interno. Giustamente vi starete chiedendo perché scegliere dei mobili in legno massiccio rispetto a dei mobili in laminato, dato che il legno naturale è nettamente più costoso e ha bisogno di più attenzioni nell’utilizzo. Ho raccolto sette buoni motivi per scegliere un arredamento in legno massello, vediamoli assieme.

Naturale

Il primo motivo assolutamente scontato è che si tratta di un materiale Naturale. Nel momento dell’acquisto è comunque indispensabile che vi informiate bene su come viene trattato il legno, in particolare andando a chiedere il tipo di vernice utilizzata per verniciarlo. Scegliete sempre prodotti con verniciatura ad acqua o ad olio, quindi evitate quella a solventi perché con il tempo continua a rilasciare inquinanti interni.

Ecologico ed ecosostenibile

Il secondo motivo è senza dubbio il fatto che trattandosi di un materiale Naturale è senza dubbio ecologico ed ecosotenibile. Nell’ultimo paragrafo andiamo ad analizzare a fondo questo punto, per il momento vi dico solo che acquistando mobili in legno contribuiamo alla diminuzione di CO2 in atmosfera.

Mobili in legno

Igroscopico

Proprio perché il legno trattato nel modo corretto è un materiale Naturale, mantiene tutte le sue proprietà. Una di queste è il fatto di essere igroscopico. Sappiamo tutti che il legno in Natura è un material vivo, che quindi tende a muoversi a seconda del grado di umidità esterna. Lo stesso vale per i mobili in casa nostra: quando nell’ambiente c’è troppa umidità il legno tende ad assorbirla e a rilasciarla quando invece l’ambiente si secca. In questo modo i nostri mobili ci aiutano a mantenere un ambiente interno ideale. Proprio perché il legno tende a muoversi è bene assicurarsi in fase di acquisto che tutti i componenti vengano verniciati separatamente e poi assemblati nel nostro mobile, altrimenti rischiamo con il tempo di vedere parti non verniciate.

Antisettico

Il legno è di sua natura un materiale antisettico, che quindi non permette ai batteri di annidarsi. Si tratta quindi di un materiale sicuro da utilizzare per arredare tutti gli ambienti della casa.

Facile da pulire

Ebbene si, il legno è anche facile da pulire. Un’altra caratteristica davvero interessante è che il legno è antistatico, ossia non si carica elettricamente. Vi chiederete: questo cos’ha a che fare con la pulizia? Molto facile: non attira la polvere! Un mobile in legno naturale tende ad attirare molta meno polvere di un arredo realizzato in qualsiasi altro materiale. Con questo non vi sto dicendo che non dovrete mai spolverare, ma sicuramente con frequenza minore. Inoltre un mobile in legno è facile da pulire perché basta un panno umido e se lo sporco è persistente del detergente neutro.

Legno naturale facile da pulire

Ripristinabile

Come avrete capito leggendo il mio articolo fino a qui, io amo il legno. Secondo me è un materiale magico.

Vi racconto un aneddoto personale per spiegarvi cosa intendo. Avrete con il tempo modo di conoscermi, ma sappiate che sono abbastanza sbadata e ho spesso la testa tra le nuvole.

Dopo neanche una settimana che avevo acquistato la mia cucina in legno, non ho ancora capito come possa essere successo, ma mi è scivolato di mano il cellulare e cadendo ha fatto una vistosa ammaccatura su un’anta della cucina. Mi starete immaginando arrabbiata e su tutte le ire, in realtà con tutta la calma di questo mondo ho preso un bicchiere con dell’acqua e, ho messo qualche goccia sull’ammaccatura. Ho lasciato così tutta notte e poiché la botta era davvero profonda, ho dovuto ripetere una seconda volta la procedura. Ma poi la magia si è compiuta! Il legno è cresciuto ed è andato a coprire l’ammaccatura. Mi è bastato coprire alcuni difetti di verniciatura con la boccetta di ritocco che mi è stata data dall’azienda e il danno è sparito completamente. Non sembra anche voi una magia?

I mobili in legno sono quindi ripristinabili e di facile manutenzione.

Personalizzazione

Il legno è un materiale altamente personalizzabile. Le aziende che lo lavorano permettono infatti spesso di realizzare mobili a misura che si adattano alla perfezione alle nostre esigenze. Inoltre si ha la massima personalizzazione dal punto di vista del colore. Ci sono aziende che addirittura permettono di richiedere una tinta campione, in base ad un colore che amiamo particolarmente o di un colore della scala RAL.

I mobili in laminato non permettono invece una personalizzazione così ampia perché le aziende acquistano già i pannelli da lavorare finiti, quindi con già la carta colorata sopra che non permette nessun tipo di personalizzazione.

Legno ecosostenibile: il confronto con altri materiali

Il legno a confronto con altri materiali

L’immagine riportata sopra mostra il legno a confronto con altri materiali utilizzati per la produzione di mobili. Come vediamo, il legno ha tutte spunte verdi, ad eccezione di una. In realtà per alcuni tipi di legno, i cosiddetti legni morbidi, anche questa spunta è da considerarsi verde. Si tratta di tipi di legno di conifera, come l’abete, che in fase di lavorazione non produce polveri sottili che possono causare problemi di salute per chi lavora. Inoltre non possiedono il tannino, sostanza presente invece in altri legni, come quello di rovere.

Mobili in legno non vuol dire deforestazione

Occupiamoci ora di sviscerare il vero motivo per cui ho scritto questo articolo. Mi sento spesso muovere l’accusa che scegliere mobili in legno vuol dire contribuire con la deforestazione. Naturalmente la cattiva informazione è ciò che fa da padrona nelle persone che la pensano così.

Partiamo quindi da alcuni dati concreti: i boschi in Europa si espandono ogni anno di circa 5.000 km2 e quasi tutte le foreste sono gestite proprio per produrre legname. Quindi, una volta tagliati gli alberi vecchi ne vengono piantati di nuovi. Il consiglio che mi sento di darvi è quello di informarvi bene sulla provenienza del legno e se necessario richiedere le certificazioni che testimonino la provenienza del legname da zone soggette a rimboschimento controllato.

Di solito, una volta che chiarisco questo punto mi sento dire: “Ok, ma per fare i tuoi mobili vengono tagliati degli alberi che non producono più ossigeno e quindi aumenti la CO2 in atmosfera”. Non c’è nulla di più sbagliato.

Chiamiamo in aiuto la chimica per chiarire a dovere questo punto. Tutti abbiamo studiato la fotosintesi clorofiliana a scuola, ma pochi si ricordano il suo funzionamento.

Le piante verdi, tramite processi chimici, producono sostanze organiche, principalmente carboidrati, che utilizzano per crescere. Per farlo utilizzano un reagente, l’anidride carbonica, e l’acqua metabolica. In presenza di luce solare e della clorofilla, le molecole di CO2 si combinano con quelle di acqua H2O e formano il glucosio. Per i più coraggiosi lascio anche la formula chimica:

6CO2 + 6H2O + energia solare → C6H12O6 + 6O2

Come evidenziato dalla formula, la fotosintesi produce 6 molecole di ossigeno ogni molecola di glucosio prodotta.

Ora immagino mi starete ringraziando per la lezione gratuita di chimica e vi starete chiedendo come questo può avere a che fare con la deforestazione e l’inquinamento.

Come per gli uomini e qualsiasi altro essere vivente, in fase di crescita si consuma di più e si ha più bisogno di nutrimento, di conseguenza gli alberi piccoli in crescita producono molto più ossigeno di alberi vecchi. Ecco perché rinnovare i boschi, andando a tagliare gli alberi vecchi, ossia gli alberi con più di 30 di età, e andando a piantarne di piccoli aiuta il nostro pianeta a ridurre le emissioni di anidride carbonica.

Vi lascio di seguito un video davvero interessante della Federlegno che spiega molto bene perché il legno è il materiale più ecologico che ci sia per produrre arredamento.

Spero di non avervi annoiato con questo approfondimento sul legno. In ogni caso se avete domande o curiosità scrivete pure nei commenti.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *